monpourquoi – 2/01/2017

TURCHIA –

Terrore e sangue a Istanbul notte di Capodanno. Un pesante bilancio di vittime e feriti. Sono almeno 39 i morti e oltre 60 i feriti nell’attentato, 24 gli stranieri uccisi. Il killer del nightclub Reina di Istanbul ha urlato  “Allah Akbar” mentre apriva fuoco dentro il locale, poi ha lasciato l’arma nella discoteca.

GRAN BRETAGNA –

L’Isis sta  progettando “una strage” ricorrendo ad armi  chimiche  in Gran Bretagna. A lanciare l’allarme in un’intervista al Sunday Times, il viceministro responsabile della  Sicurezza  interna,  Ben Wallace, secondo il quale “l’aspirazione” dell’Isis è di usare sul suolo britannico i gas già impiegati in Siria e in Iraq. Wallace ha rivelato che le agenzie di intelligence hanno condotto  numerose esercitazioni per gestire quello che definisce “l’incubo” del Paese.

USA –

Nuova Guerra  fredda?

La risposta  dell’amministrazione Obama  agli hackeraggi russi durante le presidenziali potrebbe essere stata “sproporzionata”. Lo ha detto  alla Bbc Spiace, futuro portavoce di  Donald Trump alla Casa Bianca. Spiace ha riferito che Trump farà alcune domande  ai dirigenti dell’intelligence che incontrerà questa settimana; la questione è se questa risposta è proporzionata alle azioni subite: “forse lo è, forse no, ma bisogna rifletterci” ha sottolineato. Spiace ha osservato che nel 2015 la Cina rubò dati di dipendenti del governo e in quel caso non fu presa alcuna azione pubblica, “niente fu fatto quando milioni di persone furono derubate delle loro informazioni private, incluse quelle sui nulla osta di sicurezza”. Trump, ha inoltre detto Spiace, prevede di realizzare molte grandi cose dopo che si insedierà alla Casa Bianca, tra cui firmare una  serie  di decreti presidenziali “per abrogare molte delle norme e delle disposizioni che sono state decise da questa amministrazione durante gli ultimi anni e che hanno frenato la crescita economica e la creazione di lavoro”.

 

Il commento di monpourquoi.com

Caos nel vecchio mondo, terrore incontenibile per una guerra che non ha fronti né identità: è una guerra di religione? È una guerra all’Occidente? Al Capitalismo? E da parte di chi? E per arrivare dove? E a chi giova? Chi sono, veramente, quelli dell’ISIS? O meglio, chi li addestra, chi li arma, chi fornisce loro anche le armi chimiche? Forse sarebbe utile seguire i tortuosi canali di comunicazione fra produttori di armi e “consumatori”, forse se ne ricaverebbe qualcosa di più efficace e persino di meno dispendioso contro il terrorismo. E si finirebbe per scoprire, in queste faccende dell’ISIS versus l’OCCIDENTE, che la mano destra non sa quel che fa la sinistra, o finge di non saperlo. Si scoprirebbe anche, chissà, che l’Occidente inganna se stesso. Giova, a questo proposito, citare l’allegoria del “Trionfo di Venere” (1540-1545) di un maestro del Manierismo italiano, Agnolo Bronzino. Venere e Cupido fanno mostra di amarsi, in realtà s’ingannano a vicenda: lei ruba una freccia dalla faretra di lui, che le sfila il diadema di perle. Dietro la coppia, la personificazione dell’Inganno: una fanciulla con un volto grazioso e il corpo di serpente dotato di zampe leonine inverte la mano destra con la sinistra – e nella destra stringe l’aculeo di uno scorpione, nella sinistra un favo di miele. Come finirà la storia dell’edonismo ingannatore capace di provocare Disperazione e Follia (le figure grottesche ai lati della composizione)? Solo il Tempo lo dirà (il vecchio, sul fondo della scena, con le ali e la clessidra, accompagnato dalla Verità, in alto a sinistra). Un quadro sconfortante, non c’è che dire. Intanto, gli Stati Uniti col loro loro nuovo leader stanno per ritornare grandi, “Make America Great Again” è il motto di Trump, coniato per la campagna elettorale.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *