Profilo di Donald Trump

Baccano a Madrid

La statua di cera di Trump ha messo sottosopra Madrid. Martedì 17 gennaio, una militante femminista se l’è presa con l’effigie del presidente eletto degli USA durante l’inaugurazione. La donna, nota per le sue azioni provocatorie, ha fatto irruzione nel Museo delle cere di Madrid a seno nudo, gridando in inglese e in castigliano: “diamogliele al patriarca per le…”. Un impiegato del Museo ha tentato di coprirla con una giacca. E’ stata fermata dopo che aveva afferrato il cavallo dei pantaloni della statua.

Gli Europei rispondono alle critiche di Trump

Da Parigi a Bruxelles passando per Berlino e la NATO, dilagano le repliche dopo le critiche del presidente americano. I capi di stato europei, Angela Merkel in testa, hanno detto che l’Unione Europea è a beneficio dell’unità e della sicurezza. Tutti rispondono alle dichiarazioni choc di Trump, il quale si aspetta una ulteriore frammentazione dell’Unione dopo la Brexit. Il miliardario ha osservato che il Regno Unito ha avuto le sue buone ragioni per lasciare un’Unione Europea dominata (è il parere di Trump) dalla Germania. Prevede che la Brexit sarà un successo e che altri paesi lasceranno la barca. Ha aggiunto che la cancelliera Merkel ha commesso un errore madornale aprendo il suo paese ai rifugiati.

Venerdì 20 gennaio, Donald Trump

Durante il suo primo giorno alla Casa Bianca, Trump dovrebbe iniziare simbolicamente a mettere in pratica le promesse fatte durante la campagna elettorale: eliminare la riforma sanitaria di Barak Obama, sopprimere la regolarizzazione degli stranieri, espellere i clandestini, annullare i trattati commerciali. E innalzare un muro alla frontiera col Messico. Ha promesso di cancellare ogni decreto, memorandum e ordinanza contrari alla costituzione e firmati dal suo predecessore democratico. Alcuni atti potrebbero essere abrogati con una semplice firma, ma altri necessitano la promulgazione di nuove leggi da parte del Congresso, a maggioranza repubblicano. Decisamente, Trump non potrà demolire tutto quello che vuole, il primo giorno.

L’Europa ha in mano il proprio destino?

“Penso che l’Europa abbia il destino nelle proprie mani”. In una conferenza stampa a Berlino, la signora Merkel non ha risposto a domande precise, ma ha colto l’occasione per ribadire la sua posizione nell’unione transatlantica (ovvero, l’Europa post-brexit). Su questo punto è stata chiara: “Noi europei abbiamo il nostro destino nelle nostre mani. Continuerò a impegnarmi affinché i 27 stati membri lavorino insieme verso il futuro per fare fronte alle sfide del XXI secolo”.

NATO

Trump afferma che la NATO è superata, si è consumata, è vecchia e non si è mai occupata di terrorismo. Inoltre, accusa i paesi membri di non pagare il dovuto.

Sanzioni contro Mosca

Domenica scorsa Donald Trump ha ventilato la possibilità di un accordo sulla riduzione degli armamenti nucleari con la Russia in cambio della revoca delle sanzioni che la colpiscono, mentre l’UE ha appena rinnovato le sanzioni contro Mosca.

Sanità

E’ uno dei dossier più complessi la riforma del sistema sanitario messa in vigore nel 2010: il cosiddetto ’”Obamacare” dovrà essere abrogato e sostituito. Ma il problema è la successiva votazione da parte del Congresso di una nuova legge che ridefinisca il sistema sanitario, un’impresa titanica la cui tempistica è incerta. Trump vuole che questo testo sia votato quasi in contemporanea con l’abrogazione.

Immigrazione

Ricordando l’amministrazione Obama, che ha dato priorità all’espulsione dei migranti irregolari costituenti un rischio, il repubblicano potrebbe annullare tutto immediatamente, con una semplice firma. Per la costruzione di muri al confine tra USA e Messico, il Congresso voterà sul finanziamento. Trump avrà il potere di sospendere immediatamente l’accoglienza dei rifugiati siriani e degli immigrati dalle aree soggette al terrorismo, se i richiedenti del visto non possono, ha detto, essere adeguatamente controllati.

A proposito di energia

Trump ha espresso l’intenzione di approvare il progetto per l’oleodotto “Keystone XL “ tra Canada e Stati Uniti d’America, rifiutato da Obama. Egli intende anche annullare immediatamente il pagamento di miliardi per i programmi delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici orientando i finanziamenti verso progetti di infrastrutture ambientali.

Commercio

Trump potrebbe togliere gli Stati Uniti dalla partnership transpacifica, questo accordo sostenuto da Obama non è mai stato approvato dal Congresso. L’accordo di libero scambio col nord Atlantico con il Messico e con il Canada è anche nel mirino repubblicano, che vuole rinegoziare per impedire le delocalizzazioni al Sud. Inoltre, il presidente ha promesso di ordinare il suo segretario al Tesoro di condannare la Cina come un paese che manipola la propria valuta, un’etichetta carica di conseguenze che potrebbe scatenare l’ira di Pechino.

Governo

Il candidato ha promesso di muovere le acque stagnanti di Washington. Intende vietare alle persone che fanno parte della sua amministrazione di diventare lobbyste nei cinque anni successivi al loro pubblico incarico. E vuole il blocco delle assunzioni di impiegati federali. Questo è un po’ a grandi linee l’orientamento di Mr. Donald Trump da quando è stato eletto capo degli Stati Uniti d’America. L’elezione di Trump è l’Apocalisse per il pianeta? Per questo gli Stati Uniti lo hanno scelto? E’ uno che può mettere fine a un’epoca o più semplicemente un mezzo attraverso cui si compia un processo in atto? Il futuro ce lo dirà. Dr.Adam Buapua. www.monpourquoi.com

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *