I miei due amici straordinari – 7

Invece io da alcuni anni alla reincarnazione credo veramente, e ho perfino avuto strani ‘lampi’ di una mia esistenza francese. Secondo me ero un militare, forse proprio nei primi dell’Ottocento: magari è a Waterloo che sono morta – anzi morto Read More …

Share

I miei due amici straordinari – 4

Ora, a Roma, vivevo sola. Avevo avuto un marito dal quale m’ero separata presto e un compagno, Silvano, un giornalista intelligentissimo e molto colto con il quale però non era facile andare d’accordo, colpa anche mia, forse, perché sono un’arietina Read More …

Share

I miei due amici straordinari – 2

Poco tempo prima avevo letto da qualche parte una frase di Fellini: “…Rol è l’uomo più sconcertante che io abbia conosciuto. Sono talmente enormi le sue possibilità da superare la nostra capacità di stupircene …” E io m’ero stupita che esistesse qualcuno così. Forse non ci avevo neppure creduto. Read More …

Share

I miei due amici straordinari

Mi sembra difficile raccontare questa specie di favola perché meraviglierà chi mi conosce e sa che sono una divulgatrice scientifica, ma anche chi non mi conosce perché è una storia – o meglio sono due storie – fuori del normale, anzi veramente paranormali. Infatti mi ci muovo come il classico pesce fuor d’acqua e chissà alla fine cosa ne viene fuori. Read More …

Share

Migrazioni, opportunità e tormenti

L’incontro organizzato dall’Istituto Svizzero di Roma (17-18 novembre) Migrazioni, opportunità e tormenti ha rilanciato, ampliandolo, il discorso sulla mondializzazione già avviato dall’Institut de Hautes Études Internationales et du Développement (IHEID) di Ginevra. Il tema delle migrazioni, nella sua complessità, è Read More …

Share